Skip to main content

Amministrazione condominiale

Perché un Amministratore Condominiale dovrebbe affidarsi a DTS?

Ai sensi dell’art. 1710 c.c. l’Amministratore Condominiale è chiamato a gestire gli stabili a lui affidati tramite delibera dell’Assemblea secondo la “diligenza del buon padre di famiglia”. DTS lo aiuta nel delicato compito di trovare il punto di equilibrio tra le opinioni discordanti di numerosi condomìni grazie alla garanzia di un’offerta sempre competitiva, sia per l’energia elettrica che per il gas, dovuta alle convenzioni provinciali e nazionali sottoscritte con le principali associazioni di categoria.

DTS offre all’Amministratore un portale self-care dedicato, attivo h24 per una completa assistenza: tramite il servizio online ogni cliente può infatti, ad esempio, registrare automaticamente le fatture utilizzando qualunque sistema gestionale, rendicontare i consumi e verificare i metodi di pagamento.

L’Amministratore è inoltre supportato nella gestione del credito e dei ritardati pagamenti, nel controllo continuo della fatturazione e nella valutazione di costi e tempi di ammortamento degli interventi di risparmio energetico. In questo ultimo caso in particolare, il partner Duferco Energia offre servizi di supporto tecnico, gestionale e finanziario per l’efficientamento energetico delle Pratiche Eco Bonus.

duferco                suecer

Avvalendosi inoltre della collaborazione con alcuni partner tecnici, tra cui Seucer Srl, Organismo Notificato n°0897, DTS offre inoltre ai propri clienti supporto anche in relazione ai seguenti servizi:

  • IMPIANTI ELEVATORI: Verifica periodica e straordinaria (D.P.R del 30 aprile 1999, n. 162)
  • IMPIANTI ELETTRICI: Verifica periodica e straordinaria (D.P.R. del 22 ottobre 2001 n° 462)
  • ANALISI DELLA POTABILITA’ DELLE ACQUE (decreto legislativo n. 31 del 02/02/2001)
  • REDAZIONE DICHIARAZIONI DI RISPONDENZA DELL'IMPIANTO ELETTRICO ALLA REGOLA DELL'ARTE (D.M. 37/08)
  • REDAZIONE DOCUMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA SUL LAVORO (DVR, DUVRI, D.LGS 81/08)
  • REDAZIONE CERTIFICATO PREVENZIONE INCENDI, CPI
  • ANALISI E VALUTAZIONE RISCHIO IN PRESENZA DI AMIANTO
  • DIAGNOSI ENERGETICA
  • REDAZIONE CERTIFICATO DI IDONEITA' STATICA
  • SERVIZIO PRIVACY

Allega una bolletta e ottieni un preventivo gratuito

Allega la tua bolletta
Massimo 2 file.
2 MB limite massimo.
Estensione ammessa: pdf.

FAQ

Filtra per
Luce, Gas

Il consumo di energia elettrica delle parti comuni di un condominio è assoggettato a due diverse aliquote, a seconda dei casi previsti dal Fisco:

  • l'aliquota ridotta viene applicata in condomini costituiti solo da unità abitative e immobili pertinenziali

  • l'aliquota al 22% viene utilizzata in quelle situazioni condominiali in cui, oltre alle abitazioni, sono presenti uffici e autorimesse non pertinenziali e non è possibile distinguere i consumi energetici degli uni e degli altri. In questo caso l’aumento dell’aliquota colpisce tutti, anche i proprietari degli immobili destinati ad uso abitativo. 

Gas

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza del titolare della fornitura.

La relativa modulistica può essere scaricata dal seguente link: https://www.arera.it/it/consumatori/gas/bonusgas_ec.htm#diritto

Gas

Gli intestatari privati di un contratto di fornitura gas possono fare richiesta del bonus solo nei seguenti casi:

  • nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.107,5 euro;
  • nucleo familiare con più di 3 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
  • con misuratore gas di classe non superiore a G6 (ossia la misura che distingue la fornitura privata da quella industriale e commerciale)

La compensazione è riconosciuta sia ai clienti domestici diretti che a quelli che utilizzano impianti condominiali.

Luce

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza del titolare della fornitura.

La relativa modulistica può essere scaricata dal seguente link: https://www.arera.it/it/consumatori/ele/bonusele_ec.htm#diritto

Luce

Il bonus può essere richiesto dall’intestatario di un contratto di fornitura elettrica in due casi precisi:

  • nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.107,5 euro;
  • nucleo familiare con più di 3 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;

Qualora in casa fosse presente anche un soggetto in gravi condizioni di salute, la famiglia può richiedere anche l’agevolazione prevista per il disagio fisico.

Luce

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza del titolare della fornitura, indipendentemente che si tratti dello stesso del malato.

La modulistica può essere scaricata dal seguente link: https://www.arera.it/it/consumatori/ele/bonusele_df.htm

Luce

Tutti gli utenti domestici che sono affetti o che ospitano in casa un soggetto affetto da grave malattia possono fare richiesta del bonus, ma solamente se il mantenimento in vita del paziente richiede l'utilizzo delle apparecchiature elettromedicali elettriche elencate nel decreto del Ministero della Salute del 13 gennaio 2011.

Il bonus per disagio fisico è cumulabile con quello per disagio economico qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità.

Luce

Si tratta di una misura sociale introdotta dal Governo per garantire un risparmio sulla spesa per l'energia elettrica alle famiglie numerose e a quelle che versano in condizioni di disagio economico. Lo stesso strumento è garantito anche per i cosiddetti casi di disagio fisico, ossia quando una grave malattia costringe all'utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

Luce

Qualora un utente (alimentato in media tensione) o un’azienda (con più di 50 dipendenti o un fatturato annuo superiore a 10 ml/euro) siano per qualsiasi ragione sprovvisti di un fornitore di energia elettrica, il Servizio di Salvaguardia garantisce loro l’erogazione in virtù di quanto stabilito dal Ministero dello Sviluppo Economico. In questi casi, il fornitore di energia elettrica viene incaricato per ciascuna regione tramite concorso organizzato dall'Acquirente Unico.

Luce, Gas

Si tratta di una domanda di difficile risposta perché molto dipende dall’utilizzo di ogni singola utenza. In generale il mercato libero consente alle famiglie italiane di risparmiare sulle spese di luce e gas perché permette di cambiare gratuitamente fornitore sulla base delle singole offerte.

Luce, Gas

Il Servizio di Maggior Tutela è rivolto alle utenze domestiche, alle piccole medie imprese (meno di 50 dipendenti e un fatturato non superiore ai 10 ml/euro) e all’amministrazione pubblica. Attualmente la maggior parte degli italiani si affida a questo servizio, ma grazie al costante miglioramento delle offerte presenti sul mercato libero sempre più utenti stanno abbandonando il mercato regolamentato.

Luce, Gas

Il Servizio di Maggior Tutela è il regime tariffario stabilito dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA), ente unico che decide le variazioni delle tariffe.

A partire dal 2007, con la completa liberalizzazione del mercato dell’energia, il consumatore può decidere se affidarsi al mercato libero oppure affidarsi alle condizioni interamente regolamentate garantite dal Servizio a Maggior Tutela.

Gas

Le forniture di gas metano destinato alla combustione sia per usi civili che per usi industriali, sono sottoposte alle seguenti tassazioni:

  • Accisa (imposta erariale sul consumo) – si paga sulla base del consumo di gas calcolato in metri cubi
  • Addizionale regionale – l’applicazione dell’aliquota viene differenziata a seconda che il consumo di gas sia a destinazione d’uso civile o industriale e varia a seconda della Regione. Come le accise, le addizionali si pagano sulla base del consumo effettivo
  • IVA (imposta sul valore aggiunto) – si applica sul totale della bolletta, quindi dell’insieme dei costi, accisa e addizionale comprese. Anche per l’IVA, l’aliquota varia a seconda della destinazione di utilizzo della fornitura.
Luce

Le forniture di energia elettrica sono soggette a due tipi di tassazione:

  • Accisa (imposta erariale sul consumo), si paga in funzione del consumo (kWh). L'imposta è diversa a seconda che il consumo sia domestico o industriale
  • IVA (imposta sul valore aggiunto), si calcola invece sulla base dell'intera bolletta, quindi di tutte le voci che la determinano, costi fissi e accisa compresi. Anche l'aliquota IVA si differenzia a seconda della destinazione di utilizzo della fornitura.

Per entrambe le imposte sull'energia elettrica sono previste agevolazioni e esenzioni dalle aliquote per alcune categorie di consumatori.

Luce, Gas

Che si tratti del contatore della luce oppure di quello del gas, è sempre opportuno per prima cosa verificare, telefonicamente oppure tramite intervento tecnico, se il malfunzionamento sia stato rilevato anche dal Servizio Guasti del distributore locale. Qualora il malfunzionamento sia accertato, l'intervento di risoluzione è gratuito.

I contatti del Servizio Guasti di zona è riportato sulla prima pagina di ogni bolletta.